Archivio Storico Diocesano “Mons. Giovanni Andrea Tria”

 Direttore: Giuseppe Mammarella

  • Sede: Larino, piazza Duomo n. 25 (episcopio)

  • Telefoni: 0874 823817 (anche fax) – 0874 823188 – 333 4763042

  • E-mail: archiviostoricodio.termolilarino@yahoo.it

  • Orario di apertura: 09,00 – 12,00 di tutti i giorni feriali, salvo imprevisti.

  • L’accesso è possibile anche nelle ore pomeridiane previo appuntamento. Per la consultazione è opportuno contattare preventivamente il Direttore

L’Archivio Storico Diocesano di Termoli-Larino, già da tempo dichiarato di “notevole interesse”, è costituito da materiale documentario utilissimo per la ricostruzione della storia religiosa e politica di un’ampia zona.

Interessa un’area considerevole come l’attuale Basso Molise, la Puglia settentrionale e le Isole Tremiti che hanno fatto parte della diocesi di Larino fino al 1938.

Una parte della seconda sala dell’Archivio

Uno dei tavoli espositivi presenti nell’Archivio

Per disposizione del Vescovo mons. Gianfranco De Luca, è stato riunito in un’ala del Palazzo vescovile di Larino, appositamente ristrutturata, e comprende due sezioni (divise in vari fondi) appartenenti, rispettivamente, alle due ex diocesi di Larino (sec. V) e di Termoli (sec. X) che, dal 30 settembre del 1986, formano l’attuale realtà di Termoli-Larino.

Gran parte dei documenti contenuti nella sezione di Termoli, appartengono ai secoli XIX e XX; essi comprendono anche un considerevole numero legati alla diocesi di Larino poiché il primo Vescovo, mons. Oddo Bernacchia, che governò contemporaneamente, dal 1924, le due sedi per quasi trentasei anni, dimorò nella città adriatica. Nella sezione termolese si conservano anche i superstiti documenti della soppressa diocesi di Guardialfiera (istituita nell’XI secolo ed accorpata a quella della città adriatica in seguito al Concordato borbonico del 1818).

 

Un momento della cerimonia di inaugurazione dell’Archivio presieduta dal Cardinale Giovanni Battista Re

La sezione di Larino custodisce materiale molto ricco del periodo compreso tra i secoli XVI e XIX ed abbraccia anche un fondo pergamenaceo notevole costituito, tra l’altro, da bolle, brevi e lettere che interessano quasi tutto il secondo millennio. Tra la documentazione cartacea, spiccano gli atti dei ventuno Sinodi, di cui si ha memoria, celebrati nella diocesi larinese dalla metà del Cinquecento ai primi anni Quaranta del Novecento (quattro di essi sono anche a stampa).

All’Archivio è annessa una Biblioteca di testi antichi che comprende diversi volumi del ‘500 e del ‘600. Non mancano, inoltre, opere che interessano, in particolare, il territorio della ex diocesi di Larino, dati alle stampe tra il XVIII ed il XIX secolo.

L’Archivio Storico Diocesano è intitolato a mons. Giovanni Andrea Tria (senior), Vescovo di Larino dal 1726 al 1741, autore, tra l’altro, delle note Memorie Storiche Civili ed Ecclesiastiche della Città e Diocesi di Larino, Metropoli degli Antichi Frentani…, date alle stampe a Roma nel 1744. Mons. Tria vantava una personalità riformatrice, vigorosa e decisa, tanto da essere considerato uno dei maggiori personaggi vissuti nel Settecento.

  • PAGINE DALL’ARCHIVIO STORICO DIOCESANO (a cura di Giuseppe Mammarella)

Pagine dall’archivio storico diocesano: ritratto di mons. Antonio Lippolis

Pagine dell’Archivio storico: “Inizio e fine di una epidemia”

Come si giunse al riconoscimento della Chiesa Madre di Ripabottoni in “Edificio Monumentale”

Pagine dall’Archivio storico diocesano: una pergamena del 1297

Pagine dall’Archivio storico: Il colera degli anni Trenta del XIX secolo

Pagine dell’Archivio storico: origini delle Carresi

Pagine dall’Archivio storico. La lunga siccità del 1901 narrata in una Pastorale del tempo

Pagine dall’Archivio storico: “Gli stati delle anime di Lesina”

Pagine dall’Archivio storico. Una singolare credenza del XVI secolo: i “gattoni” di Campomarino

Morrone del Sannio dedica l’area antistante alla chiesa a mons. Giovanni Andrea Tria

Un ritratto di mons. Tria anche a Morrone del Sannio