Diocesi di Termoli Larino







l Santuario della Madonna Grande si trova in contrada Colloredo a Nuova Cliternia, frazione di Campomarino. La parrocchia, intitolata alla Beata Vergine Maria Assunta in Cielo, è stata eretta nel XVII secolo. La Chiesa, tutta in mattoni e di forma ottagonale, è stata edificata grazie ai ricchi doni ricevuti da Diego D’Avalos di Aragona, Marchese del Vasto.

Nel Santuario è presente il quadro della Madonna Grande, oggetto di venerazione già da molti secoli. L’antico quadro è stato ritrovato per caso in una grotta, dopo essere stato rubato nel 1880 da ignoti, i quali incendiarono anche la Chiesa. Il dipinto risale all‘epoca barocca e raffigura la Vergine assorta, su uno sfondo scuro, con il mantello blu e il vestito rosso porpora.
Il Santuario si distingue, nella forma artistica e architettonica, per il quadro che caratterizza la secolare venerazione e per la forma ottagonale dell’edificio. Negli anni Novanta, gli interni del Santuario sono stati oggetto di recenti ristrutturazioni, che ne hanno sensibilmente modificato la struttura interna.

Il Santuario della Madonna Grande, da secoli, è meta di numerosi pellegrinaggi provenienti dalle zone limitrofe. La Madonna Grande è la più venerata dalle popolazione albanesi molisane e attira un gran numero di fedeli. Il pellegrinaggio, propiziatorio per la pioggia e la fertilità dei campi, si svolgeva l’ultima domenica di aprile. Nel pomeriggio, al suono delle campane e al rumore di mortaretti, la processione faceva ritorno al paese. Una volta, al Santuario si andava con i carri messi a disposizione dai più ricchi del paese. Successivamente, il pellegrinaggio è iniziato a diventare abituale nei periodi di marzo, maggio e agosto, soprattutto da parte di compagnie di giovani che si organizzavano con una ricca colazione al sacco per poi fare scampagnate nei pressi del Santuario.

Oggi, più che un vero santuario è una Cappella arricchita da finestre su ciascun lato e da un portale con cornice barocca. Il piccolo Campanile è a vela. La copertura del tetto è innalzata lievemente verso il cielo come una cupola.